bastaconoscersi!

Progetto di educazione alla cittadinanza globale

Progetto di educazione alla cittadinanza globale

 

Con il Patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Ufficio scolastico Regionale per il Lazio (Prot. n. 30628)

 

“Ogni paese della terra è aperto all’uomo saggio: perché la patria di chi ha un animo virtuoso è l’intero universo” (Democrito)

IL CONTESTO

Se già Democrito nella Grecia classica aveva scritto questo pensiero, oggi, come non mai, si può affermare che il concetto di cittadinanza planetaria, globale, cosmopolita, primaria, universale o terrestre, secondo le più recenti accezioni, è un fatto acquisito. Le molteplici interdipendenze tra locale e globale, tra microcosmo personale e macrocosmo dell’umanità, fanno sì che le questioni sostanziali del nostro tempo, se non addirittura la sopravvivenza del pianeta e del genere umano, non possano più essere risolte in un ambito ristretto, sia pure nazionale o continentale.

È verificato anche da recenti teorie e prassi pedagogiche, come il Service Learning, che educarsi ed educare a scegliere come obiettivo finale delle proprie scelte la collettività, il bene comune, la qualità della vita e la felicità di tutti, favorisce la nascita di una capacità critica che, attraverso una corretta informazione, può portare ogni individuo a contribuire, con scelte e decisioni attive, alla soluzione dei problemi del nostro tempo.

Su un piano globale, questo significherebbe, come afferma la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, assicurare ad ogni abitante del pianeta il potere di usufruire dei patrimoni comuni dell’umanità, dei beni pubblici globali come l’ecosistema, l’aria, l’acqua, la terra, il sottosuolo. Del resto i beni pubblici globali sono anche la pace, l’istruzione, la sicurezza alimentare, la giustizia internazionale, l’accesso agli strumenti informatici.

Un cambiamento del genere può avere tanto più successo quanto più sarà fondato sul cambiamento dello stile di vita di ciascuno, sul cambiamento dal basso, su un’umanità nuova.

Educare oggi alla cittadinanza attiva, responsabile e solidale, significa dunque affrontare la sfida di pacificare il diritto alla cittadinanza globale con quella locale, condividendo quel patrimonio di valori che dell’essere umano fanno una persona: la relazione, il legame sociale, la partecipazione, la libertà, il lavoro, la responsabilità, la cooperazione, il rispetto reciproco, la solidarietà, la fraternità.

 

LA PROPOSTA

In questo contesto, il progetto Basta conoscersi: 6 passi per 1 Mondo Unito proposto a livello nazionale, punta alla formazione della comunità educante ai temi della cittadinanza globale. Partendo dal presupposto che “non si possiede ciò che non si comprende” (Goethe), quindi ciò che non si conosce, molti pregiudizi, stereotipi, la mancanza di un vero dialogo e la diffidenza verso il “nuovo” e l’altro “diverso da me”, così come l’indifferenza e l’individualismo, scaturiscano spesso proprio dalla non conoscenza diretta delle storie delle persone, delle diverse problematiche del mondo e di quali siano le cause che le sottendono.

A tal fine, la proposta dell’avvio di un percorso che metta in atto nuovi processi educativi partecipativi e li consolidino, che agiscano per prima cosa sullo stile relazionale tra tutti, ma naturalmente anche sul piano dei contenuti e delle metodologie.

In questo favorevole ambiente di apprendimento, la proposta prosegue con l’ideazione di un    progetto elaborato insieme agli alunni, il 6×1 del titolo, per la realizzazione di un’azione da farsi nel territorio in cui si vive, venendo a contatto con i problemi reali che in esso si incontrano. Una concreta azione di cittadinanza attiva e solidale che coinvolga emotivamente e spinga gli alunni a porsi degli interrogativi che portino alla necessaria ricerca di informazioni e di approfondimenti. Un’esperienza sul campo tesa a conoscere meglio la realtà quotidiana e a dare una risposta, per quanto possibile, ad un bisogno.

DESTINATARI

Alunni delle scuole di ogni ordine e grado, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado (dai 3 ai 19 anni) e gruppi giovanili di vario tipo (dagli 11 ai 19 anni).

I PROMOTORI

  • AMU, Associazione Azione per un Mondo Unito – Onlus, è un’Organizzazione Non Governativa di Sviluppo (ONGS), riconosciuta idonea dal Ministero Affari Esteri per la realizzazione di progetti di sviluppo. Dal 1986 lavora per diffondere la cultura del dialogo e dell’unità tra i popoli. Dal 2002 è Ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale scolastico e degli studenti sui temi dell’educazione alla cittadinanza globale (DM 170/2016)

www.amu-it.eu

  • Teens4unity, movimento internazionale di ragazzi con l’obiettivo di costruire un mondo più unito: un impegno che parte da ciascuno, quotidianamente, a scuola, in famiglia, con gli amici, nelle città, attraverso incontri, giornate, giochi, iniziative sportive, operazioni ecologiche, manifestazioni di vario tipo.

www.teens4unity.net

FINALITA’

  • Promuovere una mentalità cosmopolita come cittadini del “villaggio globale”
  • Valorizzare il principio della fraternità universale, nel micro e macro, quale elemento fondamentale per l’educazione alla cittadinanza attiva e reciprocamente responsabile
  • Promuovere una maggiore coscienza critica dei diritti di cittadinanza per essere costruttori del “bene comune” di una società civile, nel rispetto dei diritti-doveri fondamentali

OBIETTIVI

  • Stimolare in tutti, non solo nei giovani, il desiderio di aprirsi all’altro, di conoscere un altro “mondo”, per trasformare le differenze e i problemi in una reale possibilità di rinnovamento della società e di arricchimento della identità di ciascuno
  • Educarsi al dialogo, sperimentando i valori della solidarietà e della reciprocità, partendo dall’ambiente in cui si vive
  • Favorire lo sviluppo di capacità critica che, attraverso una corretta informazione sulle diverse situazioni e problematiche glocali, possa portare ciascuno a contribuire, con scelte e decisioni attive, alla soluzione dei problemi del nostro tempo
  • Stimolare i ragazzi ad essere co-protagonisti nella realizzazione di un progetto educativo

FASI DELLA PROPOSTA

Il percorso/progetto Basta conoscersi: 6 passi per 1 Mondo Unitosi compone di 3 fasi:

  1. Per il percorso, che si realizza durante l’intero anno scolastico, saranno messi a disposizione materiali di supporto e approfondimento ed indicazioni biblio/ sitografiche. Inoltre verrà proposto ai docenti ed educatori di partecipare ad un corso di formazione nel mese di febbraio, (25 ore totali di cui 7 e-learning) nel quale verranno approfondite alcune tematiche inerenti il tema della proposta.
  2. Il progetto 6×1 (le linee guida del progetto verranno fornite in seguito all’iscrizione)

Sintesi:

  • OSSERVARE – GUARDIAMOCI INTORNO

ci avviciniamo alla realtà;

rafforziamo la nostra capacità di osservazione della realtà, scopriamo e ci rendiamo consapevoli dei problemi esistenti della nostra scuola, quartiere o città

  • PENSARE – SOMMIAMO LE IDEE

diamo un ordine di priorità a quanto abbiamo osservato

  • COINVOLGERE

suscitiamo la partecipazione;

lavoriamo insieme ad un progetto comune contribuendo a risolvere la necessità o il problema identificato

  • AGIRE

elaboriamo un piano di azione del progetto

  • VALUTARE – SAPERSI MIGLIORARE

valutiamo se sono stati raggiunti gli obiettivi proposti

  • CELEBRARE – FACCIAMO FESTA

ci troviamo per un momento conclusivo per far conoscere il percorso svolto riconoscendo il contributo di ognuno

  1. Il prodotto

La realizzazione di un breve filmato o di un PPT sarà la testimonianza del percorso intrapreso o di un frammento di esso. I volti, i luoghi, le storie, i suoni potranno narrare e far conoscere quanto vissuto, in uno scambio di idee e progetti per una cittadinanza globale.

  1. Manifestazione conclusiva

Ogni classe è invitata a concludere il progetto con un evento finale nella propria scuola e/o ad unirsi alla staffetta mondiale RUN4Unity per far festa insieme a tutti i ragazzi impegnati per la pace.

 

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

La partecipazione al percorso/progetto è gratuita, ad esclusione del corso di formazione*.

Entro il 31.10.2017 inviare la scheda d’iscrizione compilata all’indirizzo e-mail eas@amu-it.eu

  • Invio agli iscritti entro il 11.2017 di materiali, riferimenti bibliositografici, linee guida del 6×1 con relative schede-progetto per la realizzazione dell’azione sul territorio
  • Nov 2017-marzo 2018 realizzazione dell’attività progettata (6×1)
  • Entro il 03.2018 invio dei filmati o PPT che raccontino dell’esperienza fatta con la relativa scheda progetto all’ indirizzo e-mail: eas@amu-it.eu

Le opere dovranno essere inviate unicamente nei formati digitali png, pdf, MP3, MP4 (max 15’)

  • Pubblicazione online di tutti i lavori sulla pagina Facebook dell’AMU e valutazione preselettiva online secondo l’approvazione dei likes dei followers entro l’8 aprile 2018. Il vincitore finale per ogni grado di scuola verrà decretato dall’AMU il 13 aprile 2018. I video/power point verranno proiettati a Roma in occasione della manifestazione pubblica del “Villaggio per la Terra” (aprile 2018).

 

CRITERI DI VALUTAZIONE

Oltre al conteggio dei LIKES i lavori verranno valutati da personale qualificato dell’AMU, secondo i seguenti criteri:

  • Aderenza al tema
  • Approfondimento dei contenuti
  • Originalità della proposta
  • Qualità tecnica in relazione al mezzo utilizzato

Risulterà un elaborato vincitore per ogni ordine e grado scolastico.

  • 1 progetto vincitore per la scuola dell’infanzia
  • 1 progetto vincitore per la scuola primaria
  • 1 progetto vincitore per la scuola secondaria di I grado
  • 1 progetto vincitore per la scuola secondaria di II grado
  • 1 progetto vincitore per i gruppi giovanili

 

PREMIAZIONE

La proclamazione dei vincitori avverrà a Roma, nel mese di aprile 2018, nel corso della manifestazione pubblica del “Villaggio per la Terra”, Villa Borghese. Gli elaborati dei vincitori saranno pubblicati sul sito del Concorso e sui social dei promotori.

PREMI

I gruppi vincitori, riceveranno in premio dei laboratori di approfondimento, curati dall’AMU sulle tematiche del concorso, che si svolgeranno nel periodo seguente la premiazione, presso le scuole e/o i centri giovanili di provenienza, secondo modalità da concordare con gli interessati. I workshop tematici, dedicati all’intera classe o gruppo giovanile, saranno condotti da esperti in ambito artistico, letterario e mediatico, in modalità interattiva e laboratoriale presso il plesso scolastico o presso altro luogo da definirsi, con la finalità di far sperimentare dal vivo ai partecipanti relazioni interculturali positive.

*FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI E I FORMATORI

Prevede, per tutti gli insegnanti e i formatori che aderiscono all’iniziativa, la possibilità di partecipare ad un corso di formazione sul tema dell’intercultura e della cittadinanza attiva a cura dell’AMU, Ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale scolastico. Il corso si svolgerà in due città italiane, nel mese di febbraio 2018 (date da definirsi e che verranno comunicate in seguito) e avrà una durata complessiva di 25 ore delle quali 18 saranno frontali e 7 saranno svolte secondo modalità e-learning.

  • Obiettivi: approfondire la cultura dell’altro; educare alla pace, al dialogo interculturale e interreligioso per stimolare docenti ed educatori alla realizzazione di un progetto educativo insieme ai ragazzi.
  • Metodologie: laboratori interattivi, lezioni frontali, testimonianze dirette di alcuni rappresentanti religiosi, formazione sul campo.
  • Contenuti:
  • Didattica e pedagogia interculturale
  • La relazione come dialogo
  • Service learning
  • Proposte di curricula inclusivi

INFORMAZIONI E CONTATTI

Web:

www.amu-it.eu

bastaconoscersi.wordpress.com

 

Pagina FB:

AMU – Azione per un Mondo Unito Onlus

Bastaconoscersi

 

Per ulteriori informazioni:

eas@amu-it.eu

06.94792170

Annunci